Tag Archives: velorution

Anche H&M punta sulla bici

3 Dic

https://i2.wp.com/www.hotels-paris-champs-elysees.com/images/pages/hm.gifDel progetto non si sa quasi nulla

Si sa solo che il 7 marzo 2013 sarà lanciata una collezione H&M dedicata appositamente al mondo della bici e sviluppata assieme al negozio Brick Lane Bikes di East London.

Il video qui sotto è una sorta di comunicato stampa rilasciato dall’azienda.

 

La scelta di H&M non è certo isolata: nel 2012 è stata la Levi’s a puntare sui ciclisti urbani creando una linea di jeans Commuter Series.

Anche la realizzazione di attività di comarketing tra il mondo della bicicletta e il settore della moda non sono certo delle novità, in questo caso, però, quello che colpisce è la decisione di associare un marchio tanto popolare con il nome di un negozietto di quartiere sconosciuto ai più.

Al momento resta ancora da capire quanto capillare sarà la diffusione dei prodotti cycle friendly di H&M, ma in ogni caso va dato merito alla direzione del grande brand dell’abbigliamento low cost di aver capito da che parte tira il vento: scommettere sui ciclisti urbani significa scommettere su quel segmento della popolazione che, non dovendo pagare la benzina, l’assicurazione, il bollo, il parcheggio, la manutenzione ordinaria e straordinaria, in questo frangente di crisi, mantiene una capacità di spesa superiore alla media.

 Facile, no?

The velorution is coming…

Digressione

Smirne, prove tecniche di velorution

1 Dic

http://bisikletim.files.wordpress.com/2012/07/cover-3-tr.jpg?w=211&h=300Una settimana dopo la pubblicazione in turco del manuale di ciclocospirazione di #salvaiciclisti si è verificata una cosa molto interessante.

Il regolamento della metropolitana della città di Smirne vieta espressamente il trasporto delle biciclette; attorno a questo punto si combatte da anni una lotta impari tra l’azienda dei trasporti e la sparuta comunità ciclistica locale che chiede che le biciclette siano ammesse almeno in orario serale e nel fine settimana.

L’azienda dei trasporti è sempre stata molto netta e decisa: le biciclette non possono essere accettate a bordo della modernissima metropolitana per motivi di sicurezza e di incolumità dei passeggeri.

Poi un giorno capita che un ragazzo che si chiama Cem decida di portare la ruota anteriore della propria bici a riparare in un negozio in centro città. Ma arrivato ai tornelli dell’ingresso della metropolitana viene fermato dall’addetto alla sicurezza che gli fa sapere che la ruota non è ammessa. Cem fa notare che quella che ha in mano non è una bicicletta, ma solamente una ruota, ma, niente, non si passa. Questo assurdo scambio di vedute viene registrato in un video che, in pochi giorni, inizia a girare in rete e basta veramente un niente perché si sviluppasse una reazione di protesta.

Oggi pomeriggio un gruppo di 50 ciclisti si sono radunati davanti alla sede dell’azienda dei trasporti smirniota e, dopo aver letto un comunicato molto critico rispetto alle politiche di trasporto adottate, ciascuno con la ruota anteriore della propria bicicletta in mano, ha cercato di entrare in metropolitana, dopo aver rigorosamente comprato il biglietto.

Ad attendere i ciclisti c’erano gli addetti alla sicurezza delle grandi occasioni che hanno ribadito la posizione dell’azienda: le biciclette in metropolitana non ci entrano, le ruote, neppure. (Il tutto avveniva sotto gli occhi increduli di un signore in sedia a rotelle).

Uno dei manifestanti ha cercato quindi di passare insieme alla propria bicicletta pieghevole accuratamente riposta nell’apposita sacca (non più grande di un normale trolley da viaggio), ma anche lui è stato bloccato perché all’interno della borsa trasportava una bicicletta (non un lanciagranate o della dinamite, no, una bicicletta).

L’assurdità della situazione ha attirato numerosi organi di stampa che hanno riportato la notizia.

Aspettiamo l’evolversi della vicenda.

preparazione de blitz

preparazione de blitz

https://fbcdn-sphotos-b-a.akamaihd.net/hphotos-ak-ash3/68076_10151188288883752_1748687132_n.jpg

https://fbcdn-sphotos-d-a.akamaihd.net/hphotos-ak-snc6/399224_10151188289008752_1033721029_n.jpghttps://fbcdn-sphotos-a-a.akamaihd.net/hphotos-ak-ash4/400063_10151188289048752_1709650935_n.jpg

https://fbcdn-sphotos-f-a.akamaihd.net/hphotos-ak-prn1/148750_10151188289173752_930928837_n.jpghttps://fbcdn-sphotos-g-a.akamaihd.net/hphotos-ak-ash3/561584_10151188289228752_1563550946_n.jpghttps://fbcdn-sphotos-a-a.akamaihd.net/hphotos-ak-snc6/252222_10151188289263752_831974980_n.jpghttps://fbcdn-sphotos-e-a.akamaihd.net/hphotos-ak-ash4/381735_10151188289448752_49502896_n.jpghttps://fbcdn-sphotos-h-a.akamaihd.net/hphotos-ak-ash4/483509_10151188289528752_890926432_n.jpg

#salvaiciclisti, terza settimana

29 Feb

Oggi la campagna #salvaiciclisti compie tre settimane di vita, tre settimane di vita intensa e memorabili.

Tagliamo questo traguardo con la grande soddisfazione di essere riusciti a raggiungere alcuni degli obiettivi prefissati: dopo che il ddl “salvaiciclisti” è arrivato in Parlamento, la fase 2, ovvero quella rivolta ai sindaci delle città, continua a raccogliere adesioni.

Dopo il Sindaco di Milano Pisapia e quella e del Sindaco di Firenze Renzi, anche Bologna e Roma hanno sciolto le proprie riserve e ieri hanno comunicato l’adesione alla campagna, seppure in modo un po’ ambiguo.

Dalle colonne del proprio blog, l’Assessore alla mobilità del Comune di Roma, Visconti ha infatti annunciato che “Roma Capitale aderisce e promuove la campagna “Salva ciclisti” lanciata dal Times di Londra “ (il neretto è di Visconti).

Il Comune di Bologna ha invece preferito un più formale comunicato stampa, ma anche qui si parla esclusivamente di supporto agli 8 punti del Manifesto del Times.

In entrambi i casi le amministrazioni locali stanno dimostrando di essere troppo concentrate sulla stampa straniera e troppo poco su quanto avviene sul territorio, giacché sembra che non si siano accorti della valanga di mail inviata loro attraverso l’operazione “Caro Sindaco, #salvaiciclisti” con cui chiedevamo l’attuazione a livello locale di 10 punti dedicati alla tutela delle utenze deboli della strada. Perché?

Certo, gli 8 punti del Manifesto del Times sono facilmente condivisibili da parte delle amministrazioni locali perché non comportano nessun impegno: si tratta  semplicemente di supportare la creazione dell’ennesimo atto legislativo che sarà poi facile disattendere, esattamente come accaduto alla Legge 366/98 sulla Mobilita Sostenibile Ciclabile.

Evidentemente è in corso un problema di comunicazione: i cittadini parlano di una cosa, i giornalisti ne amplificano la voce, chi dovrebbe ascoltarli fa finta di niente e, invece di rispondere alle richieste,  si lascia andare a delle azioni di distrazione cercando malamente di mettere a tacere il dissenso.

L’Assessore Maran del Comune di Milano, invece, ieri ha dimostrato ancora una volta un’incredibile attenzione per tutto quanto avviene nella sua città commentando un video su Facebook di un cittadino che si lamentava delle condizioni di una pista ciclabile in centro:

Le altre grandi città tacciono.

I problemi nelle nostre città ci sono e sono evidenti: ieri un gruppo di parlamentari sostenitori di #salvaiciclisti e un drappello di blogger si sono trovati in pieno centro a Roma per rilevare la velocità delle auto davanti ai Fori Imperiali davanti alle telecamere di diverse testate. Il video lo trovate qui.

A conclusione della giornata i Parlamentari sostenitori di #salvaiciclisti hanno annunciato che scriveranno una lettera al Ministro delle Infrastrutture, Passera, per convincere il governo a iniziare un percorso esecutivo il prima possibile per rimettere l’Italia al passo dei paesi più moderni e già ciclabili, come Olanda e Danimarca.

Dall’estero intanto arrivano degli interessanti spunti di riflessione da parte di esponenti della Chiesa Cattolica (in Austria e negli Stati Uniti) che stanno lanciando la proposta sovversiva di iniziare a ripensare la dipendenza delle nostre società dall’automobile. Che possano avere ragione?

In tre settimane di vita il gruppo su Facebook dove si contano le adesioni e si scambiano idee per il prosieguo della campagna è arrivato a quota 8.500 adesioni

Chiunque volesse sostenere #salvaiciclisti può farlo unendosi agli altri 8.500 sul gruppo su Facebook, oppure può utilizzare l’hashtag #salvaiciclisti in tutte le proprie comunicazioni su Twitter.

Tutti gli  aggiornamenti li trovate sulla pagina: facebook.com/salvaiciclisti

Chi dorme non #salvaiciclisti (e non prende voti: @AlemannoTW)

24 Feb

Ieri abbiamo lanciato la seconda fase della campagna #salvaiciclisti, con cui richiediamo l’applicazione a livello locale delle leggi già previste dal nostro ordinamento per aumentare la sicurezza sulle strade. Una lettera aperta ai sindaci delle nostre città per chiedere maggiore attenzione per ciclisti e pedoni.

I sindaci di Milano e di Firenze non hanno perso tempo ed hanno reagito allo stimolo ribadendo immediatamente la propria adesione alla campagna anche a livello locale. Encomiabile in particolare Giuliano Pisapia che ha confermato la partecipazione a #salvaiciclisti rispondendo addirittura a tutte le mail ricevute.

Mentre voci discordanti si rincorrono sulle città di Napoli e Torino, tutta l’attenzione si sta sempre più concentrando sulla capitale, giacché proprio Roma è una delle città più problematiche d’Italia per quanto attiene la ciclabilità urbana.

Riassumendo brevemente, Roma è la città italiana con il più alto tasso di vittime per incidenti stradali e può vantarsi di essere la prima città d’Europa per numero di pedoni vittime della strada. Sul totale di vittime della strada il 50% sono pedoni e ciclisti: a Roma muore un ciclista a settimana

Inoltre, il progetto di Bike Sharing, lanciato a Roma nel 2007, a distanza di 5 anni è in stato di semi-abbandono ed è stato pagato in cambio merce offrendo la bellezza di 1.500 mq di spazi pubblicitari, fatte le dovute proporzioni, 1750 volte in più rispetto a Parigi dove, invece, le cose funzionano.

Roma ha anche il primato di essere riuscita a far saltare i nervi addirittura all’ Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Alimentazione e l’Agricoltura (FAO) che ha sede proprio nella nostra capitale: a causa delle pessime condizioni di ciclabilità della città, i dipendenti provenienti da tutto il mondo hanno dato vita nel 2008 ad un blog di protesta per evidenziare le problematiche relative all’andare in bici a Roma.

Gianni Alemanno, però, da bravo amministratore locale attento alle esigenze del territorio, ieri ha fatto sentire la propria voce a sostegno di una causa molto importante e molto sentita dai cittadini della città eterna:

 

 

Ma se l’attenzione da parte del Sindaco dell’Urbe manca, il Presidente della Provincia di Roma (da molti già considerato come prossimo inquilino al Campidoglio) ci ha invece invitato attraverso Facebook ad un incontro formale il quale ci auguriamo che possa gettare le basi per una collaborazione duratura.

 

A proposito di buone cose, vorrei cogliere l’occasione per fare i complimenti al sindaco di Fiorenzuola che ha messo in palio dei premi per i dipendenti comunali che si recheranno al lavoro in bicicletta e all’Assessore alla Mobilità e Ambiente del Comune di Milano che oggi pomeriggio alle 18 presenterà il nuovo e-book dal titolo “Consigli per la sicurezza di chi va in bicicletta”. Un ben arrivato anche al deputato UDC Antonio DePoli che sta sostenendo #salvaiciclisti.


Mentre noi ieri lanciavamo la seconda fase della campagna #salvaiciclisti e “Caro Sindaco” si manteneva tra i trend topic di Twitter, sulle strade italiane si consumava la solita carneficina: ad Albenga, Genova, Torino, Reggio Emilia. A Cremona, non ce l’ha fatta invece Angelica, investita due giorni fa da un auto.  

 

Chiunque volesse sostenere #salvaiciclisti può farlo unendosi agli altri 6.500 sul gruppo su Facebook, inviando al proprio sindaco la lettera contente i dieci punti per le amministrazioni locali, oppure può utilizzare l’hashtag #salvaiciclisti in tutte le proprie comunicazioni su Twitter.

Tutti gli  aggiornamenti li trovate sulla pagina: facebook.com/salvaiciclisti


#salvaiciclisti, seconda settimana ( @riotta ma dicevi sul serio?)

22 Feb

Oggi si chiude la seconda settimana di campagna #salvaiciclisti.

Mentre in Parlamento continua la raccolta di firme per la presentazione del disegno di legge “Salva Ciclisti” anche le amministrazioni locali stanno poco alla volta dichiarando il proprio appoggio alla nostra campagna. Il primo in assoluto ad averlo fatto è stato il Sindaco di Cernusco sul Naviglio (MI), seguito dal Sindaco di Milano, Giuliano Pisapia, che ieri ha rotto gli indugi attraverso twitter e Facebook: “Aderisco all’appello #salvaiciclisti. La sicurezza è il primo requisito per una #Milano realmente ciclabile”, ha dichiarato.

Pisapia, Sindaco di Milano

Il suo tweet è stato seguito immediatamente da una replica agghiacciante da parte di Gianni Riotta, ex direttore del TG1 e del Sole 24 Ore: “Bene Sindaco in cambio i ciclisti non arrotino noi pedoni sul marciapiede, zigzagando contromano, non fermandosi al semaforo”.

La replica di Riotta dimostra una miopia sconcertante: come è possibile che una firma tanto apprezzata del giornalismo italiano non si renda conto che la presenza di ciclisti sui marciapiedi altro non è che il segnale che le persone hanno paura di affrontare le strade delle città giacché queste sono invase da automobili che chiedono sempre più spazio laddove non ce n’è? E poi, ammesso che il buon Riotta abbia letto gli 8 punti del Manifesto del Times, in quale misura ritiene che questi possano andare a discapito della sicurezza dei pedoni nelle nostre città?

Chiedere città a misura di ciclista vuol dire chiedere città con meno traffico, maggiori spazi per le persone, meno PM10 (e quindi meno malattie cardiovascolari), maggiore sicurezza anche per i pedoni. È per questo motivo che non ci stancheremo mai di ripetere che #salvaiciclisti è una campagna di civiltà e di buon senso, non di un gruppo di persone in lotta contro un altro.

A poche ore dall’adesione di Pisapia, anche il sindaco di Firenze, Matteo Renzi, ha fatto conoscere la propria intenzione di aderire a #salvaiciclisti. Gli altri sindaci, tacciono, ma per quanto tempo ancora?

Chi non tace, invece, sono tutti coloro che si sono iscritti al nostro gruppo su Facebook: ci stiamo organizzando in sottogruppi a livello territoriale, perché la realtà di Roma ha priorità differenti da quella di Palermo o di Bolzano e perché anche geograficamente le amministrazioni comunali devono essere stimolate in modo differente per la realizzazione di città più vivibili.

Domani intanto la proposta di legge nata dagli 8 punti del Manifesto del Times verrà presentata in Parlamento in Inghilterra, sottoscritta da 67 parlamentari. Oggi alle 18:30 una biciclettata organizzata da un coordinamento di cicloblogger londinesi passerà proprio sotto il parlamento per ricordare l’importanza della sicurezza dei ciclisti per promuovere città più vivibili.

Chiunque volesse sostenere #salvaiciclisti può farlo unendosi agli altri 6.300 sul gruppo su Facebook, oppure può utilizzare l’hashtag #salvaiciclisti in tutte le proprie comunicazioni su Twitter.

Tutti gli  aggiornamenti li trovate sulla pagina: facebook.com/salvaiciclisti